NAPOLEONE RAZETTI

nato il 1845-01-24

A  TORINO (TO)

Deceduto il  1911-04-11

Collocazione
CELLETTA CINERARIA (TORINO- CIMITERO MONUMENTALE SOCREM)



Biografia

Nasce a Torino il 24 gennaio 1845. Avvocato e magistrato, esercita la sua professione prevalentemente a Torino, anche come pretore del VI Mandamento della sezione di Borgo Dora. Letterato e poeta, è autore del volume Carmi e odi barbare (Modena, 1892) in cui compare la poesia Valdieri che gli vale l’apprezzamento e l’amicizia di Giosuè Carducci, oltre ad altre opere Per una felce: ode. Con una lettera di G. Carducci edita a Firenze e a Roma nel 1882, ed Esegesi dell’Ode alla Regina d’Italia di Giosué Carducci (Biella). Appassionato di studi sull’antichità greca e latina, pubblica diverse traduzioni classiche, e altri lavori, tra cui si possono ricordare Epicedio sulla strage di Dogali (Livorno, 1887), e L’epicedio di Ugo Bassi. Quarantottata. Colle epigrafi di Giosuè Carducci (Modena, 1892). Come pubblicista collabora a vari giornali e riviste quali il «Prometeo» di Palermo, l’«Eco dell’Industria» e il «Pensiero» di Biella, e il «Monitore dei Pretori» di Firenze. Di religione cattolica, Napoleone Razetti muore a Torino l’11 aprile 1911 all’età di 66 anni. Secondo le sue ultime volontà il funerale si svolge senza la presenza di fiori e come socio aderente della Società per la Cremazione di Torino la sua salma viene cremata il 14 aprile e le ceneri deposte al Tempio Crematorio.