ALBERTO MAGNAGHI

nato il 1874-06-03

A  TORINO (TO)

Deceduto il  1945-12-03

Collocazione
CELLETTA CINERARIA (TORINO- CIMITERO MONUMENTALE SOCREM)



Biografia

asce a Torino il 3 giugno 1874. Studioso e ricercatore di geografia storica, è professore di Geografia prima all’Università di Palermo e poi, dal 1928, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia di Torino. In questa città è anche direttore dell’Istituto di Geografia di Palazzo Carignano. Alberto Magnaghi ha dedicato gran parte della sua produzione scientifica alla storia della cartografia e alle origini della cartografia nautica, che hanno come momento più rilevante il lavoro sulla carta del 1325 di Angelino Dall’Orto. Di particolare importanza sono gli studi su Amerigo Vespucci, Cristoforo Colombo e Giovanni Botero, a cui dedica diversi scritti, tra cui Amerigo Vespucci, primo scopritore del Brasile (Torino, 1941), Amerigo Vespucci. Studio critico (Roma, 1926), La nuova storia della scoperta dell’America (Torino, 1938), Le “relazioni universali” di Giovanni Botero e le origini della statistica e dell’antropogeografia (Torino, 1906) e Processo e condanna di Giovanni Botero (Torino, 1936). È autore, inoltre, di numerosi articoli apparsi sull’Enciclopedia italiana e su varie riviste quali la «Rivista geografica italiana», il «Bollettino della Società geografica italiana». Alberto Magnaghi muore a Torino il 3 dicembre 1945 all’età di 71 anni. La sua salma è cremata il 6 dicembre e le ceneri deposte al Tempio Crematorio.