GIACOMO LEVI

nato il 1845-05-05

A  FIRENZE (FI)

Deceduto il  1916-03-14

Collocazione
ZONA   STORICA
CELLETTA CINERARIA



Biografia

Nasce a Firenze il 5 maggio 1845 da Graziadio e Rosa Campegnero. Direttore d’orchestra, compositore e maestro di canto, arriva a Torino nel 1873 e da subito svolge la sua attività in vari teatri torinesi e italiani. In particolare si possono ricordare le musiche del ballo Lionna o la vita parigina (Teatro Regio di Torino, 1875-76), la concertazione e la direzione dell’opera Papà Martin di Cagnoni (Accademia Filarmonica di Torino, 1880), il ballo Aiator o il dardo d’amore di Pulini (Teatro Vittorio Emanuele di Torino, 1888). Come maestro di canto ha alcuni allievi che si distingueranno durante la loro carriera, come i soprani Costanza Nelli e Maria Bessolo e il baritono Gaudenzio Salassa. Personaggio noto presso la comunità israelitica di Torino, Giacomo Levi è maestro di canto presso la scuola femminile “Abram e Stella Fubini coniugi Treves” e direttore del Coro israelitico di Torino. In occasione dell’inaugurazione dell’Oratorio israelitico, nel 1884, musica un inno ebraico scritto dal rabbino Samuele Ghiron. Giacomo Levi muore a Torino il 14 marzo 1916 all’età di 71 anni. Per sua espressa volontà i funerali si svolgono in forma semplice, senza fiori e discorsi. Socio della Società per la Cremazione di Torino la sua salma è cremata il 16 marzo e le ceneri de poste presso il Tempio Crematorio.